igiene

IGIENE E SALUTE ORALE

Con questa definizione si comprendono tutte quelle manovre praticate dal professionista Igienista Dentale al fine di prevenire le patologie oro-dentali e promuovere la salute orale dei pazienti in modo da migliorarne anche la salute sistemica nonché l’estetica.

PRENOTA LA TUA VISITA

LE MANOVRE DI IGIENE ORALE

Le manovre di igiene orale professionale sono: igiene del bambino con applicazione di fluoro; detartrasi dell’adulto; scaling e curettage a quadranti o sestanti.

Igiene del bambino con applicazione di fluoro

Manovra che consiste nella rimozione di placca e tartaro sopragengivale, di macchie superficiali, di applicazione di gel di fluoro con apposite mascherine.

Detartrasi dell’adulto

Manovra che consiste nella rimozione di tartaro sopragengivale e/o sottogengivale, in presenza di profondità di sondaggio fisiologico fino a 3 mm.

Scaling e curettage a quadranti o sestanti

Manovra che consiste nella rimozione di tartaro per lo più sottogengivale, qualora siano presenti tasche parodontali, con sanguinamento gengivale e talvolta dolore. A seconda della gravità dei casi si eseguono 4 o 6 sedute, spesso sotto anestesia locale. In questi casi di malattia parodontale (quando c’è perdita di osso e mobilità dentale), al paziente verranno consigliati  richiami dallo studio ogni 3/6 mesi.

LE BASI PER UNA CORRETTE IGIENE DOMICILIARE

Affinché la seduta di igiene possa essere efficace, occorre motivare il paziente ad una corretta igiene domiciliare.
Spazzolino, dentifricio, filo interdentale e collutorio sono i presidi basilari per una corretta igiene domiciliare, che dovrebbe essere eseguita due o tre volte al giorno dopo i pasti principali.
Spazzolino: è lo strumento più importante, grazie alla sua azione meccanica è possibile rimuovere la placca batterica. Esistono diversi tipi di spazzolino, quello ideale deve avere le setole sintetiche, morbide e con la punta arrotondata.
Filo interdentale: il filo interdentale resta lo strumento più efficace per pulire le zone interdentali.

I CONSIGLI PER UNA CORRETTA IGIENE

Come si utlizza lo spazzolino?

Le setole vanno posizionate con un’ angolatura di 45° rispetto alla gengiva e si devono fare piccoli movimenti rotatori andando dal basso verso l’alto. Successivamente si ruota il polso verso la corona del dente eliminando così la placca che si è disgregata precedentemente. Ogni arcata va pulita per almeno sessanta secondi. Lo spazzolamento dev’essere deciso ma non va applicata un’eccessiva pressione per evitare di lesionare le gengive.
Lo spazzolino va utilizzato sulla superficie esterna ed interna del dente e sulla superficie masticatoria. Alcuni spazzolini , dietro la testina, sono dotati del puliscilingua utile per eliminare i batteri presenti su di essa che sono la causa principale dell’alito cattivo.
È opportuno ricordare di cambiare lo spazzolino ogni 3 mesi o quando si altera la forma dello stesso.
Attenzione: l’uso scorretto dello spazzolino può essere la causa della retrazione gengivale, creando così oltre che un danno estetico anche un aumento della sensibilità dentinale.

Come si utilizza il filo interdentale?

Tagliare circa 50cm. di filo interdentale e arrotolarne le due estremità attorno a ciascun dito medio. Su una delle dita si arrotolerà il filo a mano a mano che diventerà sporco. Tenere il filo teso tra i pollici e gli indici. Guidare il filo tra i denti strofinando delicatamente. Per evitare di ferire le gengive, non forzare il filo contro di esse.Quando il filo raggiunge la curva gengivale curvarlo a forma di C verso il dente. Delicatamente, farlo scorrere nello spazio tra gengiva e dente, poi strofinare il lato del dente allontanandosi dalla gengiva.Ripetere la procedura per ogni dente, senza dimenticare la parte posteriore dell’ultimo dente.
Verranno date opportune istruzioni al paziente in caso di apparecchi ortodontici, protesi o impianti.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.